Questo sito usa i cookie per facilitare la navigazione del sito. Se vuoi saperne di più o negare il consenso, clicca su "Ulteriori informazioni". Chiudendo il banner o scorrendo la pagina acconsenti all’uso dei cookie.

logow8b


ordiartistico ordilinguistico ordiscienzeumane
 
multiculturality200  alternanza 
commissioneantibullismo 
areadisabilita 

avviso importanteSI COMUNICA CHE PER CAUSE TECNICHE ESTERNE ALL'AMMINISTRAZIONE IL CENTRALINODELLA SCUOLA E' MOMENTANEAMNETE FUORI USO .

PER CONTATTI:

EMAIL CZIS00900L@ISTRUZIONE.IT; CZIS00900L@PEC.ISTRUZIONE.IT

CELL.- 3664334253

 

AUTOGRAFA


Articoli

L’Istituto “G. De Nobili” partecipa alla Giornata mondiale UNESCO della Filosofia

giornata filosofia 1rid
L’istituto “G. De Nobili”, guidato dalla dirigente Prof.ssa Susanna Mustari, ha partecipato, con gli allievi della VA Sc. umane, coordinati dal prof. Roberto Chiarella, alla Giornata Mondiale UNESCO della Filosofia, promossa dall’Associazione AmicaSofia, dal Liceo Classico “P. Galluppi, dall’IIS Petrucci-Ferraris-Maresca e dalla Regione Calabria. Hanno partecipato all’incontro : la dirigente del Liceo Classico, Prof.ssa Elena De Filippis, la dirigente dell’IIS Petrucci, prof.ssa Maria Murrone, il prof. Massimo Iiritano, vice-presidente dell’Associazione AmicaSofia e l’Assessore Regionale alla Pubblica Istruzione, Dott.ssa Federica Roccisano. In sala erano presenti anche docenti e alunni dei licei catanzaresi e dell’IIS Petrucci e una rappresentanza di alunni coinvolti nel progetto di alternanza scuola/lavoro Amica Sofia. A fare gli onori di casa la Prof.ssa Elena De Filippis, già docenti di Filosofia, la quale nel corso del suo intervento ha sottolineato con forza il valore formativo della disciplina, e la naturale predisposizione di tutti gli uomini ad interrogarsi sui temi fondamentali del discorso filosofico. La filosofia è utile per orientarci nel mondo e di “portare alla luce pensieri sublimi nascosti”, importante (citando il filosofo Bodei) nella costruzione di una cittadinanza solidale perché ci aiuta a vincere la resistenza all’altro. Fortemente sentito anche l’intervento della dirigente Maria Murrone, la quale ha sottolineato il bisogno indifferibile di studiare Filosofia in un tempo dominato dall’omologazione, in cui i ragazzi sembrano disorientati, orfani di valori e di orizzonti di senso. Viviamo insomma in una “società liquida” e da qui la necessità di recuperare uno sguardo critico sulla realtà che la filosofia riesce a formare. Il prof. Massimo Iirtano nel suo intervento dopo aver illustrato il progetto e le finalità della filosofia per bambini, ha posto l’accento sul valore importante della pratica dialogica, della maieutica socratica come spazio filosofico irrinunciabile per l’uomo, in quanto (riprendendo Arendt) solo nella e attraverso la parola gli uomini si incontrano.
giornata filosofia 2rid
In questo senso la classe diventa comunità, luogo di incontro e di confronto, un momento di condivisione utile a implementare le competenze argomentative e critiche. Insomma il dialogo deve diventare la cifra fondamentale della Filosofia fino a sacrificare anche la verità, perché una verità che non sia espressione del confronto dialettico rischia di essere una verità imposta e, dunque, autoritaria. Esauriti gli interventi dei relatori, la parola è passata ai docenti degli istituti presenti che hanno presentato le attività di alternanza e i laboratori di Filosofia. Apprezzati i contributi delle ragazze dei diversi istituti, protagonisti di pratiche didattiche virtuose e di riflessioni profonde ed intelligenti; alcune alunne della V A del nostro liceo delle Sc. Umane, hanno posto ai relatori domande relative a problematiche di stringente attualità nel dibattito culturale: il rapporto della Filosofia con la bellezza, gli aspetti critici legati alla globalizzazione, il tema delle profonde disuguaglianze economiche e sociali, l’impegno della Filosofia nella costruzione di una cittadinanza solidale, aperta e libera per esorcizzare paure e rigidità identitarie ed infine è stato sottolineato il valore formativo della filosofia, cioè quello kantiano di aiutare i ragazzi a pensare autonomamente: “sapere aude”.
giornata filosofia 3rid
I lavori sono stati chiusi dall’Assessore Federica Roccisano, la quale ha prima sottolineato l’impulso e il sostegno del suo Assessorato nella promozione della lettura e poi in modo appassionato, ha ribadito ai ragazzi l’importanza della conoscenza come antidoto efficace per superare le difficoltà e costruire un progetto esistenziale autentico. L’Assessore ha inoltre evidenziato il carattere interdisciplinare della Filosofia, la sua capacità di creare coscienze critiche per non conformarsi passivamente alla volontà imposta dagli altri. Bello lo spunto finale della Dott.ssa Roccisano, che invita i ragazzi a non nascondere le proprie fragilità, ma partire anche da queste per creare un momento di condivisione autentico e significativo. In conclusione, si è trattato di un incontro intenso e ricco di spunti culturali, in cui è stato rivendicato con forza il diritto alla costruzione e all’esercizio critico del pensiero e, dunque, la piena legittimazione della Filosofia.

Commemorazione Brigata Catanzaro

A Catanzaro una storia di eroismo:

La Brigata Catanzaro dalla gloria alla decimazione

 

10 novembre 2017

L’istituto De Nobili guidato dalla dirigente Prof. Susana Mustari, con una motivata rappresentanza di dodici allievi delle classi V, coordinati dalle prof.sse Ranieri e Brognieri, ha partecipato alla Commemorazione della Brigata Catanzaro, iniziativa organizzata nell’ambito del Centenario della Prima Guerra Mondiale, presso la Sala “Il Cenacolo" dell'ITIS E. Scalfaro di Catanzaro. La Brigata Catanzaro, attiva dal 1915, partecipò a numerose battaglie soprattutto nell'area dell'altopiano Asiago, con grande spargimento di sangue e innumerevoli perdite. Si distinse per coraggio e valore al punto tale da essere insignita della medaglia d'oro al valor militare per il 141° reggimento e quella d'argento per il 142°. Tutto ciò è stato oggetto di una giornata di celebrazione molto toccante presso l'ITIS E. SCALFARO di Catanzaro, dove, in una cornice di grande commozione, un parterre nutrito di politici e storici ha commemorato la gloriosa Brigata Catanzaro.
IMG 1005
Hanno partecipato all'incontro, introdotto dalla Dirigente dell’istituto ospitante, dott.ssa Romano, personalità d'eccezione quali il Presidente della Regione Calabria Mario Oliverio, il Presidente dell'ICSAIC Pantaleone Sergi, la dott.ssa Angela Riggio, dirigente dell'USP di Catanzaro, il dott. Giuseppe Caridi, Presidente Reputazione Storia Patria Calabria, il dott. Salvatore Bullotta, l'anima dell'iniziativa in questa regione, il dott. Vittorio Cappelli, storico dell'università della Calabria, il dott. Giuseppe Ferraro, storico dell'università di San Marino, la dott.ssa Giulia Sattolo, storica friulana, il comandante regionale dell'esercito dott. Rosito. In sala anche la dott.ssa Barberio, congiunta di uno dei protagonisti delle imprese enunciate, il capitano Barberio, che ha lasciato un diario ed un giornale da campo illustrato di straordinaria importanza e di indubbio valore, che sarà oggetto di prossima indagine e studio. Degna di menzione è la presenza del Presidente emerito del Senato Franco Marini. «Recuperare un pezzetto della storia d'Italia e della Calabria» per scoprire ciò che è realmente avvenuto tra il 1915 ed il 1918 è l’intento della straordinaria sinergia di tutti gli storici e politici convenuti: il faro votivo eretto nel 1928 sulla montagna che sovrasta Mormanno, unitamente al busto in bronzo realizzato dell’artista Paonessa e rappresentante la medaglia d'oro Gaetano Alberti, facente parte della Brigata Catanzaro, partito come volontario e morto in combattimento nel 1915, le figure di Vincenzo Galati, povero contadino che partecipò ad entrambe le decimazioni, e del Colonnello Bettoia, insignito della medaglia d'oro, cui è intestata la caserma di Catanzaro, sono solo alcune delle testimonianze che meritano di essere ricordate e valorizzate, soprattutto nelle scuole.
 IMG 0997

Lo storico Saccà, attraverso una laboriosa ricerca all'interno degli archivi cimiteriali, coordinandosi con la storica friulana Giulia Sattolo, ha scoperto i luoghi veri della sepoltura ed il modo in cui venne interpretata la normativa dell'epoca, l'art. 251 del codice militare del 1870, non più del codice militare del 1848, con cui si era formata la maggior parte della truppa: la Brigata aveva chiesto la licenza, unitamente alla possibilità di andare a combattere in un'area meno sanguinosa, richieste che erano state concesse, pur non avendo trovato un concreto riscontro. Da qui il conseguente ammutinamento (1916). Il secondo drammatico episodio di decimazione (1917) fu invece il frutto di un fraintendimento: il generale Cadorna interpretò la dispersione nei boschi del monte Mosciagh, dovuta alla difficoltà dei soldati di orientarsi di notte, come un atto di diserzione ed optò per la repressione.

A Santa Maria La Longa una stele posta nel 2011 commemora i drammatici fatti.

Il Presidente della Regione, per coinvolgere maggiormente i giovani studenti partecipanti all'evento, ha ricordato come i ragazzi partiti per il fronte nella Grande Guerra fossero proprio della loro età, per far comprendere la durezza del passato e della guerra e far apprezzare ancora di più il valore della pace e recuperare la memoria della storia della calabrese.

banner800x64

( Per comunicazioni e suggerimenti al webmaster di questo sito CLICCARE QUI )